Emissioni in atmosfera ľ Adesione alle autorizzazioni in via generale per impianti e attivitÓ industriali ed artigianali

Procedimenti
Descrizione procedimento
Autorizzazione in via generale per impianti e attivitÓ industriali ed artigianali in deroga ai sensi dell'art. 272 comma 2 del D.Lgs n┬┬░152/06 e s.m. i., adottata dalla Provincia di Mantova con Determinazione n. 1641 del 19 giugno 2009 e s.m.i.
A chi si rivolge

Ai gestori di stabilimenti all'interno dei quali sono previsti impianti e/o attivitÓ industriali ed artigianali in deroga di cui all'art. 272 comma 2 e ricompresi nell'Autorizzazione in via generale adottata dalla Provincia di Mantova con Determinazione n. 1641 del 19 giugno 2009 e s.m.i.

Cosa fare

Compilare la domanda di adesione, completa della documentazione richiesta, utilizzando la modulistica della sezione "Moduli Ambiente".

La domanda deve essere consegnata presso L'Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Mantova se presentata da privato cittadino o da ente pubblico.

Dal 13 giugno 2013 le piccole e medie imprese e le imprese con impianti/stabilimenti non soggetti ad autorizzazione integrata ambientale (A.I.A.) presentano domanda d'autorizzazione alle emissioni solo all'interno dell'autorizzazione unica ambientale (A.U.A.), ai sensi del D.P.R. 13 marzo 2013 n. 59.

 

Pertanto l'istanza di A.U.A. deve essere deposita unicamente presso il S.U.A.P. (Sportello unico per le attivitÓ produttive) competente per territorio, che avvierÓ le procedure previste per l'ottenimento del provvedimento finale coinvolgendo le amministrazioni competenti.

L'A.U.A. sostituirÓ e ricomprenderÓ numerose autorizzazioni in materia ambientale previste a livello provinciale, tra le quali quelle relative alle emissioni in atmosfera, alla gestione dei rifiuti e degli scarichi idrici.

 

E' fatta comunque salva la facoltÓ dei gestori degli impianti di non avvalersi dell'autorizzazione unica ambientale nel caso in cui si tratti di attivitÓ soggette solo a comunicazione, ovvero ad autorizzazione di carattere generale, ferma restando la presentazione della comunicazione o dell'istanza per il tramite del SUAP

 

E' stata approvata la D.g.r. n. 983 del 11.12.2018 che sostituisce la D.g.r. 8832/2008, nella quale viene revisionata la disciplina delle attivitÓ cosiddette "in deroga" alla luce delle modifiche apportate dal D.lgs 187/2017 all'art. 272 cc. 2 e 3 del d.lgs 152/2006 e dall'entrata in vigore del DPR 59/2013.
 
"Con Decreto dirigente struttura 28 novembre 2019 - n. 17322 la competente Direzione Generale regionale ha approvato gli allegati tecnici n. 41 (Medi impianti di combustione industriali di potenza uguale o superiore a 1 MWt e inferiore a 15 MWt), n. 42 (AttivitÓ di lavorazioni di materiali lapidei in genere con consumo di materia prima non superiore a 2.000 t/anno) e n. 43 (Operazioni di taglio/incisione/marcatura laser su svariate superfici)"

La nuova delibera individua l'elenco delle attivitÓ soggette a tale regime autorizzativo (allegato 1), i criteri e le procedure per l'adesione all'autorizzazione generale (allegato 2), le modalitÓ di trasmissione della domanda di adesione, di modifica e di comunicazione amministrativa (allegati 3a, 3b, 3c).

Sino all'emanazione dei nuovi Allegati Tecnici, le prescrizioni specifiche di tipo tecnico-gestionale, ivi inclusi i valori limite alle emissioni, continuano ad essere definiti all'interno degli allegati tecnici settoriali approvati (o in fase di approvazione) per tutte le tipologie di attivitÓ individuate dalla delibera Dds 8213/2009 e s.m.i.
 

Per visualizzare gli orari di apertura dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico clicca qui

Per esercitare i diritti di tutela clicca qui

 
Costi
La Delibera di Giunta Regionale (D.G.R.) 14/07/2015 n. X/3827, stabilisce un onere per l'istruttoria di 150 euro a carico dei richiedenti.
 
Pagamento dell'imposta di bollo pari ad euro 16 presso il SUAP territorialmente competente al ritiro dell'istanza.
Qualora il SUAP non disponga dell'autorizzazione che consente il pagamento dell'imposta di bollo in modo virtuale, il richiedente dovrÓ provvedere ad inserire nell' istanza il numero identificativo della marca da bollo utilizzata, nonchŔ ad annullare la stessa conservando l'originale. OccorrerÓ presentare contestuale dichiarazione di annullamento in sede di presentazione della pratica on line.

 

Tempi

 45 giorni dall'arrivo della domanda

Responsabile del procedimento

Giampaolo Galeazzi
Servizio Inquinamento e Rifiuti,  SIN-AIA

 
Dirigente: Sandro Bellini
Area Tutela e Valorizzazione dell'Ambiente
 
Sostituto in caso di inerzia e ritardo del Responsabile del Procedimento e del Dirigente Ŕ il Segretario Generale


 

Referente

              

Francesco Lussignoli                    

tel. 0376/204742 (Ufficio Relazioni con il Pubblico)

Ufficio Emissioni Atmosfera
Via Principe Amedeo ,32
46100 Mantova
Fax 0376.366956

email: francesco.lussignoli@provincia.mantova.it

 

 

 

 

 

Allegati