• Home
  •  / News
  •  / Federico Bellomi, Colore segno, dai paesaggi alle opere sacre

Federico Bellomi, Colore segno, dai paesaggi alle opere sacre

Mostra alla Casa del Mantegna di Mantova dal 15 settembre al 4 novembre 2018

Inaugurazione sabato 15 settembre ore 17.30

"Colore segno, dai paesaggi alle opere sacre" è il titolo della mostra che la Casa del Mantegna di Mantova dedica all'artista Federico Bellomi. Un'esposizione dove sono presenti quaranta e più opere tra tavole ad olio e disegni. Alcuni disegni sono di grandi dimensioni come i cartoni preparatori per l'opera ARBOR REDEMPTIONIS, una tempera di caseina lattica di duecentoquaranta metri quadri situata nel transetto laterale destro nella chiesa di S. Anna a Lugagnano di Sona (Verona).

Federico Bellomi nacque a Colognola ai Colli il 13 marzo del 1928. Allievo dell'incisore Dante Broglio frequentò, dal 1942 al 1948 (alcuni anni interrotti a causa della seconda guerra mondiale) l'Accademia di Belle Arti G. B. Cignaroli di Verona studiando con i maestri Guido Trentini, Antonio Nardi e lo scultore Egidio Girelli.

La sua opera spazia dai disegni, ai dipinti ad olio, alla scultura. Notevole anche la produzione come incisore e come vetratista. Conosciuto in Italia e all'estero, per le sue opere monumentali eseguite con la tecnica della caseina lattica. Sue opere si trovano in siti pubblici, in musei italiani, in Europa, Stati Uniti e Brasile. Bellomi morì a Verona il 25 aprile 2010 ancora attivo nella sua opera.


Hanno scritto di lui:

[…] L'arte di Federico Bellomi merita attenzione, su questo non c'è dubbio. E' originale, visionaria, concettualmente profonda, capace di sedurre e di convincere. Io non mi occupo di arte moderna, non è quello il mio campo di studio. Tuttavia gli artisti dotati di originalità, le voci fuori dal coro mi interessano. E quindi ricorderò il nome e l'arte di Federico Bellomi e ne parlerò, presentandosi l'occasione, nelle sedi opportune.


                                                                 Antonio Paolucci


L'assoluta centralità e predominanza del colore nel paesaggio e la quasi sua assenza nel disegno possono sembrare condizioni espressive inconciliabili. Non era questo il pensiero di Federico Bellomi che riteneva la padronanza del disegno fondamentale e centrale. Segno e colore erano, nella sua poetica, elementi complementari e parimenti necessari, in perenne dialogo, in costante equilibrio. Un equilibrio asimmetrico e pertanto ricco di tensioni, un dialogo che a volte diventa scontro.

Il segno deciso è ben visibile nelle pennellate nervose e veloci dei paesaggi ad oli, le masse di colore non lasciano indifferente l'osservatore che viene trasportato in spazi inusuali dove affiorano emozioni.

Ritroviamo questo segno fermo e graffiante nei disegni e nei cartoni per affresco realizzati a matita, penna, pastello, sanguigna e fusaggine.

Il segno è pieno di quella forza espressiva che induce lo spettatore a soffermare lo sguardo sull'opera quasi costretto a seguire a lungo ed attentamente quelle linee scoprendo quanta bellezza si trovi in una curva morbida del corpo, nei lineamenti di un viso, nel tratteggio che crea volume. Quel segno che nel paesaggio e nel disegno racchiude in sé il gesto di chi lo crea e ne diviene conseguenza visibile di tutte le emozioni che contiene e che ci rimanda.


                                                                                         

                                                 Patrizia Cerpelloni Bellomi

Inaugurazione sabato 15 settembre 2018, ore 17.30


CASA DEL MANTEGNA, via Acerbi 47, Mantova

Orari di apertura:

da mercoledì a domenica: dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18           

Chiuso lunedì e martedì 


Ingresso libero

Info: 0376 360506

Info@casadelmantegna.it

 



Bellomi 3
Bellomi 2
Bellomi 1