• home
  •  / comunicati stampa
  •  / Recupero di Villa Strozzi, Ok al progetto definitivo

Recupero di Villa Strozzi, Ok al progetto definitivo

18.12.2019 12:46

Ieri a Bologna la prima seduta della Conferenza di servizi

Via libera al progetto definitivo dei lavori di restauro e recupero funzionale con miglioramento sismico del complesso scolastico di Villa Strozzi sito a Palidano di Gonzaga sede dell'istituto agrario. L'ok arriva dal presidente della Provincia Beniamino Morselli che ha firmato il decreto di approvazione. E ieri a Bologna nella sede del Provveditorato interregionale alle Opere Pubbliche si è tenuta la prima riunione della Conferenza di servizi dedicata in gran parte all'esame di una serie di rilievi sollevati dalla Soprintendenza alla proposta progettuale.

L'immobile di strada Begozzo, che è di proprietà dell'ente di via Principe Amedeo, è soggetto a vincoli in base a quanto previsto dal Codice dei beni culturali.

A seguito degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012, l'edificio principale è stato pesantemente lesionato tanto da risultare inagibile (condizione in cui versa attualmente) e i corpi secondari (palestra, campanile, muro di cinta e chiesa interna del complesso scolastico), lesionati anch'essi, necessitano di interventi finalizzati alla sicurezza complessiva dell'intera struttura.

In questi anni per garantire la continuità dell'attività didattica, la Provincia ha acquisito in locazione dalla Cooperativa Tante Tinte spazi attigui.

L'amministrazione provinciale ha ottenuto un rimborso assicurativo per i danni da terremoto di 5.747.000 euro di cui 4.200.000 da destinare al ripristino del complesso scolastico di Villa Strozzi.

Il Commissario Delegato per l'emergenza sisma 2012, nel giugno 2015 ha assegnato all'amministrazione di via Principe Amedeo 10.300.000 euro (rideterminata in 9.000.000 di euro a seguito della conclusione dell'istruttoria relativa all'indennizzo assicurativo).

Tutte le funzioni tecniche di progettazione e direzione lavori nonché di stazione appaltante sono state trasferite al Provveditorato alle Opere Pubbliche con la Convenzione del gennaio 2016 sottoscritta da Provveditorato Interregionale alle Opere Pubbliche per la Lombardia e l'Emilia Romagna, Presidente di Regione Lombardia in qualità di Commissario delegato per l'emergenza sisma del maggio 2012 e Provincia di Mantova: in base alla Convenzione sono passate al Provveditorato anche le relative risorse finanziarie per la copertura della spesa di intervento. L'importo complessivo del progetto di restauro è infatti di 13.200.000 euro e sarà finanziato da Provincia di Mantova per 4.200.000 euro con risorse proprie provenienti dall'indennizzo assicurativo per il terremoto e dal Commissario sisma con 9 milioni di euro.

La progettazione definitiva ed esecutiva, è stata messa a gara e aggiudicata al Raggruppamento Temporaneo di Progettazione Politecnica Ingegneria ed Arch. Soc. Coop. di Modena - COPRAT di Mantova - BCD progetti srl di Roma - Arch. Monica Nascig di Mantova - Dr.ssa Maria Ceriotti di Mantova - Ing. Alberto Moretti di Udine.

Alla conferenza di servizi convocata dal Provveditorato oltre alla Provincia hanno partecipato tutti gli Enti coinvolti e i gestori di beni o servizi pubblici necessari alla conclusione positiva del procedimento per l'acquisizione dei relativi pareri. La prossima seduta è programma per febbraio: compito della Conferenza è rilasciare le autorizzazioni necessarie per rendere esecutivo il progetto e quindi procedere poi con la gara d'appalto.

Il progetto relativo al parco ed alle aree esterne è parte dell'offerta migliorativa fatta dai progettisti in sede di gara ma non è finanziata e per questo sarà esclusa dall'appalto.