Informazioni per i titolari delle aziende richiedenti l'AUA

1. Presentazione della domanda di Autorizzazione Unica Ambientale

La domanda per il rilascio dell'autorizzazione unica ambientale corredata dai documenti(si vedano gli allegati a destra), dalle dichiarazioni e dalle altre attestazioni previste dalle vigenti normative di settore relative agli atti di comunicazione, notifica e autorizzazione indicati alle lettere dalla a) alla g) dell'art. 3 del DPR 59/2013, deve essere presentataunicamente allo SportelloUnico per le Attività Produttive (SUAP) competente per territorio.

Per le modalità di dettaglio occorre riferirsi a quanto previsto dal SUAP competente per territorio. Per l'accesso alle informazioni necessarie vai alla pagina Impresa in un giorno.

Dal 1° novembre 2014 l'istanza può essere presentata solo per via telematica dal sito del SUAP competente per territorioutilizzandola modulistica regionale unificata riportata in basso a destra.
 
Alla domandadevono essere allegati i documenti tecnici specificatamente richiesti per ciascun tipo didomanda (si vedano la tabella riportata sotto e gli allegati a destra).

 

 

 
Matrice ambientale
Riferimenti normativi
allegato
Autorizzazione allo scarico in corpo idrico superficiale di acque reflue industriali provenienti da impianto di trattamento
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/06
allegato 1
Autorizzazione allo scarico in corpo idrico superficiale acque reflue industriali provenienti da impianto di scambio termico
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/07
allegato 2
Autorizzazione allo scarico in falda di acque reflue industriali provenienti da impianto di scambio termico
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/08
allegato 3
Autorizzazione scarico in corpo idrico superficiale di acque reflue industriali provenienti da piscina
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/11
allegato 4
Autorizzazione allo scarico in corpo idrico superficiale di acque di prima pioggia
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/07
allegato 5
Autorizzazione allo scarico in corpo idrico superficiale di acque reflue domestiche da insediamento maggiore di 50 a.e.
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/08
allegato 6
Autorizzazione agli scarichi in corpo idrico superficiale di acque reflue assimilabili alle domestiche da insediamento maggiore di 50 a.e.
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs.n. 152/09
allegato 7
Autorizzazione allo scarico in corpo idrico superficiale di acque di scarico di fognatura di lottizzazione che veicola acque meteoriche separate
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/10
allegato 8
Autorizzazione allo scarico nei primi strati del sottosuolo delle acque reflue domestiche in aree vulnerabili
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/11
allegato 9
Autorizzazione allo scarico nei primi strati del sottosuolo delle acque reflue domestiche in aree non vulnerabili
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/12
allegato 10
Autorizzazione allo scarico nei primi strati del sottosuolo delle acque reflue assimilate alle domestiche in aree vulnerabili
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/13
allegato 11
Autorizzazione allo scarico nei primi strati del sottosuolo delle acque reflue assimilate alle domestiche in aree non vulnerabili
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/14
allegato 12
Autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura di acque reflue industriali provenienti da impianto di trattamento
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/15
si veda sito ATO
Autorizzazione allo scarico in pubblica fognatura di acque di prima pioggia
Capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del D.lgs. n. 152/16
si veda sito ATO
Autorizzazione in procedura ordinaria alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti
Art. 269 del D.lgs. n. 152/06
allegato 15
Adesione alle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera in via generale per impianti e attività industriali ed artigianali
Art. 272 del D.lgs. n. 152/06
allegato 16
Adesione alle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera in via generale per allevamenti
Art. 272 del D.lgs. n. 152/07
allegato 17
Adesione alle autorizzazioni alle emissioni in atmosfera in via generale per pulitintolavanderie
Art. 272 del D.lgs. n. 152/08
allegato 18
Autorizzazione all'utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura
Art. 9 del D.lgs. 27 gennaio 1992, n. 99
allegato 19
Autosmaltimento
Art. 215 del D.lgs. n. 152/06
allegato 20
Comunicazioni in procedura semplificata per operazioni di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi
Art. 216 del D.lgs. n. 152/06
allegato 21
Comunicazioni in procedura semplificata per operazioni di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali pericolosi
Art. 216 del D.lgs. n. 152/06
allegato 22



 

 
Dal 1° novembre 2014 non sono più considerate ricevibili le seguenti tipologie di istanze:
- istanze presentate su supporto cartaceo;
- istanze con documenti allegati non firmati digitalmente;
- istanze presentate mediante l'utilizzo di modulistica differente da quella regionale unificata.
In ogni caso,documentitrasmessi dal Gestore (inteso come il Titolare dell'attività produttiva richiedente l'AUA), anche su supporto informatico manon firmati digitalmente,non saranno presi in considerazione per l'iter istruttorio e saranno considerati formalmente mancanti.
Si ricorda che, qualora un'azienda abbia già presentato o abbia in corso una o più istanze tra quelle sopra elencate, le stesse dovranno essere concluse ai sensi delle norme vigenti al momento dell'avvio dei procedimenti. Tuttavia è facoltà delle aziende richiedere l'unificazione dei procedimenti autorizzativi in essere, presentando apposita domanda per l'ottenimento dell'AUA al SUAP competente per territorio, previa richiesta di archiviazione alle amministrazioni competenti delle singole istanze già presentate.
Tale opportunità consente di poter estendere a 15 anni la durata di autorizzazioni che ad oggi hanno durate nettamente inferiori (es. rifiuti, scarichi, ecc.), con conseguente semplificazione burocratica e amministrativa e riduzione dei costi.
 
2. Sottoscrizione digitale da parte di un Soggetto terzo
Nel caso che la firma digitale non sia effettuata direttamente dal Gestore (il Titolare dell'Attività), deve essere redatta apposita procura al Sottoscrittore, con l'utilizzo di uno dei moduli sotto indicati.
Qualora il delegante non disponga di firma digitale, occorre utilizzare il Modello 1 (scaricabile in basso a destra),compilarlo manualmente efarlo firmarein forma autografa dal Titolare dell'attività. Il tuttodovrà essere poi digitalizzato e firmato digitalmente dal medesimo Soggetto delegato.
Qualora il delegante disponga di firma digitale, dovrà invece essere utilizzato il Modulo 2 (scaricabilein basso a destra).
Ricevuta l'istanza, il SUAP la trasmetterà in modalità telematica all'Autorità competente (Provincia) e a tutti gli altri Soggetti competenti in materia ambientale, al fine dello svolgimento del procedimento e della relativa istruttoria.
L'Autorizzazione Unica Ambientale, una volta concluso il procedimento da parte della Provincia di Mantova, verrà rilasciata direttamente dal SUAP con durata di 15 anni e sostituirà gli atti di comunicazione, notifica ed autorizzazione in materia ambientale per i titoli abilitativi compresi nel DPR 59/2013.